consenso ai trattamenti sanitari: se manca informazione dettagliata si risarcisce il danno

|

In tema di responsabilità sanitaria l’ospedale o il medico possono essere condannati al risarcimento dei danni non solo se l’errato intervento medico lede la salute, ma anche quando il paziente non sia stato correttamente informato su tutti i rischi, controindicazioni o alternative terapeutiche prima di essere sottoposto all’intervento, pur correttamente eseguito.

Il dovere di raccogliere un adeguato consenso informato costituisce prestazione diversa rispetto a quella avente ad oggetto l’intervento terapeutico: l’errata acquisizione del consenso dà luogo ad un danno suscettibile di ulteriore e autonomo risarcimento rispetto al risarcimento spettante per l’errata prestazione medica.

Ma come si raccoglie, allora, un adeguato consenso informato?

Innanzitutto il consenso deve essere raccolto per iscritto: nel 2018, infatti, la Cassazione ha chiarito che non può ritenersi validamente prestato il consenso espresso oralmente.

Non basta però neanche far firmare al paziente un modulo prestampato contenente informazioni generiche: la Suprema Corte, con una recente sentenza del 19 settembre 2019, ha chiarito che “In tema di attività medico-chirurgica, il consenso informato deve basarsi su informazioni dettagliate, idonee a fornire la piena conoscenza della natura, portata ed estensione dell’intervento, dei suoi rischi, dei risultati conseguibili e delle possibili conseguenze negative, non essendo idonea la sottoscrizione da parte del paziente di un modulo del tutto generico”.

L’omessa acquisizione da parte del sanitario di un esauriente consenso informato, comporta dunque un danno consistente nella privazione della libertà del paziente di disporre di se stesso, essendo stato sottoposto a terapie o interventi comportanti rischi senza previa informativa.

Articolo pubblicato su ECO DI BIELLA https://avvocatomatrimonialista.org/irenze-consenso-informato/30.08.2020


Scritto da Avvocato Giulia Irenze
Lo studio si focalizza su altri ambiti di diritto, ma grazie alla preparazione dell'Avvocato Giulia Irenze può occuparsi anche di responsabilità medica.

Articoli correlati


Potrebbe interessarti anche

  • Congedo parentale Covid: a chi spetta e come richiederlo

    i genitori lavoratori dipendenti di figli minori di 14 anni che si trovano affetti dal Covid, in quarantena, o in didattica a distanza hanno diritto ad un congedo parentale con indennizzo fino al 50% della loro retribuzione

  • Vax o No Vax: che succede se c’è disaccordo tra genitori e figli?

    L’apertura della campagna vaccinale anche ai minori di 18 anni solleva spunti di riflessione sui casi di disaccordo in famiglia in merito al vaccino.
    Oggi il vaccino anti COVID19 è una facoltà e non un obbligo che risponde in parte a logiche di responsabilità sociale, in parte ad istanze più “egoistiche” (es: l’ottenimento del Green Pass per spostarsi liberamente).
    Chi decide se un minore può essere vaccinato?
    Se i genitori non sono d’accordo?
    E se invece è il minore a voler essere vaccinato contro l’opinione di genitori no vax?

  • Certificato COVID UE: facciamo il punto

    Può ottenere il certificato COVID qualunque cittadino europeo, anche residente fuori dall’Unione, che sia già vaccinato con un siero riconosciuto dall’Ente Europeo del Farmaco, oppure che sia risultato negativo ad un test molecolare o ad un test rapido approvato dalla Commissione Europea, o infine che sia dichiarato guarito dal COVID con una certificazione confermata dall’esecuzione di un test molecolare successivo