Malpractice medica: quali danni risarcibili se il paziente muore

|

Se un paziente muore per effetto di malpractice medica ci sono diversi danni risarcibili: il danno subito dai congiunti per aver perso un proprio caro, ma anche i danni cd. terminali patiti dal paziente stesso dopo l’errato intervento medico e sofferti fino al momento della morte.

I congiunti del paziente possono infatti agire a nome proprio contro l’ospedale per lesione del rapporto parentale, bene costituzionalmente garantito.

Ma anche il paziente stesso, vittima diretta di malpractice medica, può subire un danno biologico e morale che scaturisce dall’errato intervento sanitario e che si protrae fino al momento del decesso: questo danno, morendo, si trasmette agli eredi.

Si tratta, infatti, di un danno non patrimoniale trasmissibile per successione ereditaria che consta di due profili: quello biologico che dà luogo al cd. “Danno terminale” e quello morale che consiste nel cd. “Danno catastrofale”.

Si tratta di due componenti distinte e autonomamente liquidabili.

Il danno “terminale” è un danno biologico alla salute che, per quanto concerne la monetizzazione, viene considerato come un’invalidità temporanea totale, massima nella sua intensità, tanto che la lesione alla salute è così grave da esitare nella morte. Per la liquidazione si fa riferimento alle apposite tabelle elaborate dal Tribunale di Milano proprio con riferimento al danno terminale.

Il danno “catastrofale” o da “lucida agonia”, invece, è un danno morale che incide sulla psiche e che consiste nella profonda angoscia patita da un paziente, lucido e cosciente, per aver percepito l’aggravamento delle proprie condizioni e l’inesorabile morte imminente. Se un paziente è in coma, dunque, non ci sarà il danno da lucida agonia proprio perché il soggetto in coma non è in grado di percepire la propria condizione.

Articolo pubblicato su ECO DI BIELLA 3 agosto 2020


Scritto da Avvocato Giulia Irenze
Lo studio si focalizza su altri ambiti di diritto, ma grazie alla preparazione dell'Avvocato Giulia Irenze può occuparsi anche di responsabilità medica.

Articoli correlati


Potrebbe interessarti anche

  • Congedo parentale Covid: a chi spetta e come richiederlo

    i genitori lavoratori dipendenti di figli minori di 14 anni che si trovano affetti dal Covid, in quarantena, o in didattica a distanza hanno diritto ad un congedo parentale con indennizzo fino al 50% della loro retribuzione

  • Vax o No Vax: che succede se c’è disaccordo tra genitori e figli?

    L’apertura della campagna vaccinale anche ai minori di 18 anni solleva spunti di riflessione sui casi di disaccordo in famiglia in merito al vaccino.
    Oggi il vaccino anti COVID19 è una facoltà e non un obbligo che risponde in parte a logiche di responsabilità sociale, in parte ad istanze più “egoistiche” (es: l’ottenimento del Green Pass per spostarsi liberamente).
    Chi decide se un minore può essere vaccinato?
    Se i genitori non sono d’accordo?
    E se invece è il minore a voler essere vaccinato contro l’opinione di genitori no vax?

  • Certificato COVID UE: facciamo il punto

    Può ottenere il certificato COVID qualunque cittadino europeo, anche residente fuori dall’Unione, che sia già vaccinato con un siero riconosciuto dall’Ente Europeo del Farmaco, oppure che sia risultato negativo ad un test molecolare o ad un test rapido approvato dalla Commissione Europea, o infine che sia dichiarato guarito dal COVID con una certificazione confermata dall’esecuzione di un test molecolare successivo