Danno da vaccino: spetta un indennizzo

    |

    La psicosi da vaccino scatenata dalla pandemia rende più che mai attuale la riflessione sulla possibilità di ottenere un ristoro per il “Danno da vaccino”, sempre che vi sia correlazione tra la somministrazione e la patologia insorta.

    La legge 210/1992 prevede che chiunque abbia riportato, a causa di una vaccinazione obbligatoria per legge o per ordinanza di un’autorità sanitaria italiana, lesioni dalle quali sia derivata una menomazione permanente dell’integrità psico-fisica, ha diritto ad un indennizzo da parte dello Stato.

    Le vaccinazioni per cui si ha diritto all’indennizzo sono quelle obbligatorie per legge o per ordinanza (pensiamo a quelle richieste per iscrivere a scuola i bambini), quelle richieste per motivi di lavoro, per incarichi d’ufficio o per accedere ad uno Stato estero, quelle richieste ai soggetti operanti in strutture sanitarie.

    Il vaccino anti COVID, per ora, non rientra nel novero delle vaccinazioni obbligatorie ma si tratta di una vaccinazione altamente raccomandata, che diventa di fatto obbligatoria se si opera nel settore sanitario.

    Già nel 2017 la Corte Costituzionale dichiarava l’incostituzionalità della legge 210/92 nella parte in cui non prevede il diritto all’indennizzo per chi subisce un danno per il vaccino antinfluenzale.

    Nel 2020 invece la Consulta ha esteso il diritto all’indennizzo anche a chi ha riportato un danno da vaccino facoltativo contro l’epatite A.

    Il principio è il seguente: con l’indennizzo si ripaga a spese di tutti (lo Stato) un danno subito nell’interesse di tutti (tutela della salute pubblica). Così come previsto per il vaccino antinfluenzale e per quello contro l’epatite A, anche per il vaccino anti COVID il principio è lo stesso: se il singolo accetta una somministrazione facoltativa per il bene comune, l’eventuale danno sarà a carico dello Stato.

    Articolo pubblicato su ECO DI BIELLA 26 aprile 2021


    Scritto da Avvocato Giulia Irenze
    Lo studio si focalizza su altri ambiti di diritto, ma grazie alla preparazione dell'Avvocato Giulia Irenze può occuparsi anche di responsabilità medica.

    Articoli correlati


    Potrebbe interessarti anche

    • Congedo parentale Covid: a chi spetta e come richiederlo

      i genitori lavoratori dipendenti di figli minori di 14 anni che si trovano affetti dal Covid, in quarantena, o in didattica a distanza hanno diritto ad un congedo parentale con indennizzo fino al 50% della loro retribuzione

    • Vax o No Vax: che succede se c’è disaccordo tra genitori e figli?

      L’apertura della campagna vaccinale anche ai minori di 18 anni solleva spunti di riflessione sui casi di disaccordo in famiglia in merito al vaccino.
      Oggi il vaccino anti COVID19 è una facoltà e non un obbligo che risponde in parte a logiche di responsabilità sociale, in parte ad istanze più “egoistiche” (es: l’ottenimento del Green Pass per spostarsi liberamente).
      Chi decide se un minore può essere vaccinato?
      Se i genitori non sono d’accordo?
      E se invece è il minore a voler essere vaccinato contro l’opinione di genitori no vax?

    • Certificato COVID UE: facciamo il punto

      Può ottenere il certificato COVID qualunque cittadino europeo, anche residente fuori dall’Unione, che sia già vaccinato con un siero riconosciuto dall’Ente Europeo del Farmaco, oppure che sia risultato negativo ad un test molecolare o ad un test rapido approvato dalla Commissione Europea, o infine che sia dichiarato guarito dal COVID con una certificazione confermata dall’esecuzione di un test molecolare successivo