COVID nelle RSA: Chi esprime il consenso al vaccino?

    |

    E’ finalmente arrivato il vaccino anti COVID: non trattandosi di trattamento sanitario obbligatorio é imprescindibile dare il consenso alla vaccinazione.

    Poniamo il caso delle RSA: spesso in queste strutture sono ricoverati pazienti incapaci di intendere e di volere, privi di un legale rappresentante, il cui stato di salute imporrebbe una vaccinazione urgente.

    Che si fa in questi casi?

    Sul tema è recentemente intervenuto il Decreto-Legge n. 1 del 5 gennaio 2021.

    Per i pazienti incapaci di intendere e di volere per i quali sia stato nominato un Tutore o un Amministratore di sostegno, il consenso informato al vaccino potrà essere prestato per iscritto dal legale rappresentante, dopo aver sentito il coniuge, il convivente o, in difetto, il parente più prossimo entro il 3° grado.

    Più complicato il caso dei pazienti che, pur incapaci di intendere e di volere, non sono sottoposti a misure come interdizione o amministrazione di sostegno: in questi casi il Decreto-Legge prevede che il Direttore Sanitario o il responsabile medico della RSA o, in loro assenza, i Direttori Sanitari delle ASL possano assumere la funzione di amministratore di sostegno limitatamente al rilascio del consenso al vaccino, senza diventare amministratore di sostegno in senso tecnico ossia senza obbligo di giuramento né di rendicontazione.

    In questo caso il Direttore Sanitario ha l’obbligo di accertare con idonea documentazione lo stato d’incapacità naturale del paziente da vaccinare e di sentire il coniuge, il convivente o il parente più prossimo entro il 3° grado. Se c’è contrasto d’opinioni tra parenti e Direttore Sanitario sulla necessità del vaccino, si ricorre al Giudice Tutelare per l’autorizzazione ad effettuare comunque il vaccino. Se il Giudice Tutelare non si pronuncia entro 96 ore, il consenso diventa efficace.

    Articolo pubblicato su ECO DI BIELLA 17 gennaio 2021


    Scritto da Avvocato Giulia Irenze
    Lo studio si focalizza su altri ambiti di diritto, ma grazie alla preparazione dell'Avvocato Giulia Irenze può occuparsi anche di responsabilità medica.

    Articoli correlati


    Potrebbe interessarti anche

    • Congedo parentale Covid: a chi spetta e come richiederlo

      i genitori lavoratori dipendenti di figli minori di 14 anni che si trovano affetti dal Covid, in quarantena, o in didattica a distanza hanno diritto ad un congedo parentale con indennizzo fino al 50% della loro retribuzione

    • Vax o No Vax: che succede se c’è disaccordo tra genitori e figli?

      L’apertura della campagna vaccinale anche ai minori di 18 anni solleva spunti di riflessione sui casi di disaccordo in famiglia in merito al vaccino.
      Oggi il vaccino anti COVID19 è una facoltà e non un obbligo che risponde in parte a logiche di responsabilità sociale, in parte ad istanze più “egoistiche” (es: l’ottenimento del Green Pass per spostarsi liberamente).
      Chi decide se un minore può essere vaccinato?
      Se i genitori non sono d’accordo?
      E se invece è il minore a voler essere vaccinato contro l’opinione di genitori no vax?

    • Certificato COVID UE: facciamo il punto

      Può ottenere il certificato COVID qualunque cittadino europeo, anche residente fuori dall’Unione, che sia già vaccinato con un siero riconosciuto dall’Ente Europeo del Farmaco, oppure che sia risultato negativo ad un test molecolare o ad un test rapido approvato dalla Commissione Europea, o infine che sia dichiarato guarito dal COVID con una certificazione confermata dall’esecuzione di un test molecolare successivo