COVID contratto in Ospedale: quando la struttura ne risponde?

    |

    In questo annus horribilis ad aggravare la crisi sanitaria ci sono i numerosi casi di pazienti ricoverati in Ospedale per patologie diverse che hanno contratto il Covid in ambiente ospedaliero a causa delle carenze organizzative della struttura.

    In questi casi si ravvisa una responsabilità dell’Ospedale per la mancata adozione delle precauzioni necessarie per scongiurare il rischio di contagio da COVID tra reparti.

    La struttura sanitaria risponde infatti dei danni patiti dal paziente per le infezioni nosocomiali contratte durante la degenza, nel caso dipendano dall’inadeguatezza della struttura.

    Il paziente, ricoverato per patologie diverse, che contrae il COVID in ospedale può quindi fare causa alla struttura che, per andare indenne da responsabilità, deve fornire una dimostrazione seria e rigorosa di aver fatto tutto il possibile per evitare l’insorgenza dell’infezione, provando di aver adottato ogni cautela e precauzione per mantenere costante un’ottima sanificazione della struttura, dei suoi locali ed ambienti, dei dispositivi sanitari e del personale addetto.

    Si ritiene insufficiente la mera produzione di protocolli di sterilizzazione, senza la prova delle condotte concretamente tenute dall’ospedale per un’efficace opera di sanificazione.

    In certi casi l’Ospedale è stato condannato poiché non ha provato di avere formato il personale medico o paramedico sui protocolli di sanificazione, allegando gli attestati di partecipazione a corsi in materia, né di aver compiuto controlli per verificare la corretta tenuta dello strumentario o il comportamento igienico da parte dell’équipe (utilizzo di strumenti sigillati, lavaggio delle mani). L’addebito di responsabilità sarà pacifico se risulta la mancata sterilizzazione da parte della struttura o l’inadeguato isolamento dei reparti COVID.

    Articolo pubblicato su ECO DI BIELLA 7 marzo 2021


    Scritto da Avvocato Giulia Irenze
    Lo studio si focalizza su altri ambiti di diritto, ma grazie alla preparazione dell'Avvocato Giulia Irenze può occuparsi anche di responsabilità medica.

    Articoli correlati


    Potrebbe interessarti anche

    • Congedo parentale Covid: a chi spetta e come richiederlo

      i genitori lavoratori dipendenti di figli minori di 14 anni che si trovano affetti dal Covid, in quarantena, o in didattica a distanza hanno diritto ad un congedo parentale con indennizzo fino al 50% della loro retribuzione

    • Vax o No Vax: che succede se c’è disaccordo tra genitori e figli?

      L’apertura della campagna vaccinale anche ai minori di 18 anni solleva spunti di riflessione sui casi di disaccordo in famiglia in merito al vaccino.
      Oggi il vaccino anti COVID19 è una facoltà e non un obbligo che risponde in parte a logiche di responsabilità sociale, in parte ad istanze più “egoistiche” (es: l’ottenimento del Green Pass per spostarsi liberamente).
      Chi decide se un minore può essere vaccinato?
      Se i genitori non sono d’accordo?
      E se invece è il minore a voler essere vaccinato contro l’opinione di genitori no vax?

    • Certificato COVID UE: facciamo il punto

      Può ottenere il certificato COVID qualunque cittadino europeo, anche residente fuori dall’Unione, che sia già vaccinato con un siero riconosciuto dall’Ente Europeo del Farmaco, oppure che sia risultato negativo ad un test molecolare o ad un test rapido approvato dalla Commissione Europea, o infine che sia dichiarato guarito dal COVID con una certificazione confermata dall’esecuzione di un test molecolare successivo