Colpa Medica: risarcimento anche senza reato

|

In tema di responsabilità medica il paziente può essere risarcito per i danni subiti per un errore medico anche quando non c’è un “reato”, come quello di omicidio colposo o di lesioni colpose: i presupposti per la responsabilità sanitaria penale e civile, infatti, sono del tutto differenti.

In materia penale vale la regola probatoria del “al di là di ogni ragionevole dubbio”, mentre in sede civile basta l’accertamento di una colpa medica “più probabile che non”, cd. “più sì che no”.

Davanti al giudice civile, insomma, è sufficiente la dimostrazione di una ragionevole probabilità che il danno alla salute sia stato conseguente ad un errore medico, anche senza poterlo dimostrare con certezza.

Tale differente modulazione del grado di certezza probatoria si giustifica nella significativa differenza di conseguenze dell’accoglimento della domanda davanti al giudice penale o davanti a quello civile: la privazione della libertà personale nel caso dell’accertamento del reato, il risarcimento del danno nel caso dell’accertato illecito civile.

In materia di responsabilità civile per colpa medica, l’art. 7 della Legge Gelli-Bianco del 2017 ha definitivamente ricondotto la responsabilità della struttura sanitaria verso il paziente danneggiato al modello della responsabilità contrattuale ex artt. 1218 e 1228 c.c. L’applicazione delle norme sull’inadempimento contrattuale in materia di responsabilità dell’Asl comporta, sul piano della ripartizione della prova, che il paziente danneggiato ha soltanto il dovere di indicare l’inadempimento, o inesatto adempimento, della prestazione sanitaria ricevuta e del nesso causale tra tale inadempimento e il danno subito, mentre l’ospedale potrà dimostrare o che tale inadempimento non c’è stato oppure che, pur esistendo, l’inadempimento non è stato la causa del danno.

Articolo pubblicato su ECO DI BIELLA 29 Novembre 2020


Scritto da Avvocato Giulia Irenze
Lo studio si focalizza su altri ambiti di diritto, ma grazie alla preparazione dell'Avvocato Giulia Irenze può occuparsi anche di responsabilità medica.

Articoli correlati


Potrebbe interessarti anche

  • Congedo parentale Covid: a chi spetta e come richiederlo

    i genitori lavoratori dipendenti di figli minori di 14 anni che si trovano affetti dal Covid, in quarantena, o in didattica a distanza hanno diritto ad un congedo parentale con indennizzo fino al 50% della loro retribuzione

  • Vax o No Vax: che succede se c’è disaccordo tra genitori e figli?

    L’apertura della campagna vaccinale anche ai minori di 18 anni solleva spunti di riflessione sui casi di disaccordo in famiglia in merito al vaccino.
    Oggi il vaccino anti COVID19 è una facoltà e non un obbligo che risponde in parte a logiche di responsabilità sociale, in parte ad istanze più “egoistiche” (es: l’ottenimento del Green Pass per spostarsi liberamente).
    Chi decide se un minore può essere vaccinato?
    Se i genitori non sono d’accordo?
    E se invece è il minore a voler essere vaccinato contro l’opinione di genitori no vax?

  • Certificato COVID UE: facciamo il punto

    Può ottenere il certificato COVID qualunque cittadino europeo, anche residente fuori dall’Unione, che sia già vaccinato con un siero riconosciuto dall’Ente Europeo del Farmaco, oppure che sia risultato negativo ad un test molecolare o ad un test rapido approvato dalla Commissione Europea, o infine che sia dichiarato guarito dal COVID con una certificazione confermata dall’esecuzione di un test molecolare successivo