Cause di responsabilità medica: quali sono le condizioni di procedibilità?

|

Con la riforma della responsabilità sanitaria operata dalla legge Gelli-Bianco 24/2017 i giudizi in materia di responsabilità medica non possono essere iniziati se prima non è stata tentata una mediazione o svolto un procedimento di consulenza tecnica preventiva.

Non si può far causa immediatamente all’ospedale o al medico: prima é obbligatorio o tentare una mediazione, oppure richiedere un accertamento tecnico preventivo.

Vediamo quindi in cosa consistono queste due condizioni di procedibilità alternative.

La consulenza tecnica preventiva si richiede con un ricorso al Tribunale competente, ossia quello del luogo in cui ha sede l’ospedale o il medico convenuto. Il giudice nominerà un consulente tecnico d’ufficio incaricandolo di redigere una perizia che, in via preliminare, accerterà la sussistenza di un’eventuale colpa medica, tentando la conciliazione tra le parti. Nel caso in cui non si raggiunga un accordo, la perizia sarà comunque uno strumento utile per consentire al paziente danneggiato di valutare con cognizione se convenga o meno intraprendere la vera e propria causa di richiesta danni.

La domanda giudiziale di risarcimento danni, infatti, diviene procedibile non solo se la conciliazione non è riuscita, ma anche se il procedimento di consulenza tecnica preventiva non si è concluso nel termine di 6 mesi.

Un’alternativa a questa procedura è la domanda di mediazione prevista invece dal decreto legislativo 28 del 2010: in questo caso non si tratta di un ricorso in Tribunale, ma di una procedura stragiudiziale che si svolge avanti un mediatore.

Che succede se queste condizioni di procedibilità non vengono rispettate?

Il Giudice assegnerà alle parti un termine di 15 giorni per presentare l’istanza di consulenza tecnica preventiva dinanzi a sé o la domanda di mediazione avanti un mediatore.

Articolo pubblicato su ECO DI BIELLA 27 settembre 2020


Scritto da Avvocato Giulia Irenze
Lo studio si focalizza su altri ambiti di diritto, ma grazie alla preparazione dell'Avvocato Giulia Irenze può occuparsi anche di responsabilità medica.

Articoli correlati


Potrebbe interessarti anche

  • Congedo parentale Covid: a chi spetta e come richiederlo

    i genitori lavoratori dipendenti di figli minori di 14 anni che si trovano affetti dal Covid, in quarantena, o in didattica a distanza hanno diritto ad un congedo parentale con indennizzo fino al 50% della loro retribuzione

  • Vax o No Vax: che succede se c’è disaccordo tra genitori e figli?

    L’apertura della campagna vaccinale anche ai minori di 18 anni solleva spunti di riflessione sui casi di disaccordo in famiglia in merito al vaccino.
    Oggi il vaccino anti COVID19 è una facoltà e non un obbligo che risponde in parte a logiche di responsabilità sociale, in parte ad istanze più “egoistiche” (es: l’ottenimento del Green Pass per spostarsi liberamente).
    Chi decide se un minore può essere vaccinato?
    Se i genitori non sono d’accordo?
    E se invece è il minore a voler essere vaccinato contro l’opinione di genitori no vax?

  • Certificato COVID UE: facciamo il punto

    Può ottenere il certificato COVID qualunque cittadino europeo, anche residente fuori dall’Unione, che sia già vaccinato con un siero riconosciuto dall’Ente Europeo del Farmaco, oppure che sia risultato negativo ad un test molecolare o ad un test rapido approvato dalla Commissione Europea, o infine che sia dichiarato guarito dal COVID con una certificazione confermata dall’esecuzione di un test molecolare successivo