logo

Separazione Legale

Separazione Legale

Lo Studio Legale dell'Avvocato Laura Gaetini è specializzato nelle tematiche di separazione. Lo studio effettua consulenze e assistenza legale nei seguenti ambiti: Separazione legale | Separazione consensuale | Separazione giudiziale | Variazione delle condizioni di separazione | Abitazione coniugale | Assegni di mantenimento | Affidamento figli | Dispute patrimoniali | Cause di separazione | Ricorsi per la modifica delle condizioni di separazione | Procedure giudiziarie in cessazione di convivenza more uxorio | riconciliazioni.

La separazione personale dei coniugi è un istituto giuridico regolato dalle norme del codice civile (artt. 150 e ss.), dal codice di procedura civile e da una serie di norme speciali. Si distingue in separazione consensuale, separazione giudiziale (contenziosa) e separazione di fatto.

La separazione non pone termine al matrimonio e non fa venir meno lo status giuridico di coniuge. Incide solo su alcuni aspetti del matrimonio come ad esempio si scioglie la comunione legale dei beni, cadono gli obblighi di fedeltà e di coabitazione. Altri obblighi invece rimangono ma sono limitati o disciplinati in modo specifico come ad esempio il dovere di contribuire nell’interesse della famiglia, il dovere di mantenere il coniuge più debole e il dovere di mantenere, educare ed istruire i figli.
La separazione può avvenire per cause oggettive, a prescindere dalla colpa di uno dei coniugi. È possibile che i coniugi si separino perché sopraggiungono circostanze non previste, né prevedibili, al momento della celebrazione del matrimonio, che “rendono intollerabile la prosecuzione della convivenza o recano grave pregiudizio all’educazione della prole” (art. 151, 1°co. c.c.). La separazione, a differenza del divorzio, ha carattere temporaneo, infatti è possibile riconciliarsi, senza alcuna formalità, facendo cessare gli effetti causati dalla stessa (art. 154 c.c.). Per formalizzare la riconciliazione occorre un accertamento giudiziario e i coniugi devono recarsi al Comune di appartenenza per rilasciare un’apposita dichiarazione.

La separazione di fatto

La separazione di fatto non ha alcun effetto legale sul matrimonio, ma può uno dei presupposti oggettivi per la richiesta di separazione legale. Può accadere che i coniugi decidano di interrompere la convivenza senza fare ricorso ad un giudice, avviene così la separazione di fatto: i coniugi possono vivere insieme o in dimore diverse, ma ognuno si occupa di sè, disinteressandosi dell’altro. La separazione di fatto non produce alcun effetto sul piano giuridico, né è sufficiente a far decorrere il termine di tre anni per i seguire del divorzio. Anche se la separazione di fatto non sia sanzionata da alcun provvedimento dell’autorità giudiziaria, al contrario l’allontanamento del coniugi dall’abitazione familiare o una relazione extra-coniugali potrebbero essere causa di addebito della separazione nel caso di separazione giudiziale. L’abbandono del tetto coniugale deve avvenire con preavviso all’altro della propria intenzione di separarsi non necessariamente motivata (anche se non ancora formalizzata da un’istanza al giudice), oppure in presenza di giusta causa. Sono esempi di giusta causa, se precedenti l’abbandono, la violenza fisica o verbale nelle mura domestiche, il tradimento del coniuge convivente, il trasferimento della sede di lavoro in luogo lontano dalla dimora abituale, l’insoddisfazione sessuale, ma anche una più generica incompatibilità caratteriale che rende impossibile la continuazione della convivenza.

La separazione consensuale

La separazione consensuale è l’istituto giuridico con cui il quale marito e moglie, di comune accordo tra loro, decidono di separarsi, è uno dei due modi per ottenere la separazione legale tra coniugi (l’altro è la separazione giudiziale).
Si chiama consensuale proprio perché prevede il consenso espresso di entrambi i coniugi che giungono ad un accordo sulla spartizione dei loro beni in comunione e sull’affidamento dei figli nonché su tutte le possibili questioni connesse ad una separazione. La separazione consensuale non è quindi possibile in mancanza di un accordo tra i coniugi per ogni aspetto.
La separazione consensuale ha inizio con il deposito del ricorso, durante l’ udienza che sarà fissata dinanzi al presidente del tribunale, i coniugi devono comparire personalmente per il tentativo obbligatorio di conciliazione. Se la conciliazione non avviene il tribunale dispone con decreto l’omologazione delle condizioni separazione, eque per i coniugi ma principalmente della prole. È da questa data che decorre il termine di tre anni per poter richiedere il divorzio.
Le condizioni stabilite in sede di separazione consensuale potranno comunque essere modificate o revocate qualora intervengano fatti nuovi che cambiano la situazione di uno dei coniugi o il rapporto con i figli.

La separazione giudiziale

Alla separazione giudiziale si fa ricorso nel caso in cui non vi sia accordo tra i coniugi, secondo il codice civile italiano, si può avere su istanza di parte o perché ci sono state delle violazioni degli obblighi matrimoniali da parte di uno dei coniugi o perché ci sono delle circostanze oggettive che rendono non più sostenibile la prosecuzione del rapporto. La separazione giudiziale può essere quindi richiesta anche da uno solo dei due coniugi.
In caso di separazione giudiziale è anche possibile richiedere l’addebito della separazione, con l’accertamento che vi sia stata la violazione degli obblighi che discendono dal matrimonio (fedeltà, coabitazione, cura della prole, etc.) da parte di uno dei coniugi e che questa violazione abbia determinato la cessazione del rapporto Nel caso in cui l’addebito sia riconosciuto dal giudice a carico di uno dei coniugi, questi non ha diritto ad ottenere l’assegno di mantenimento e perde la maggior parte dei diritti successori.
Qualora si intraprenda una separazione giudiziale questa, anche in corso di causa, può essere trasformata in separazione consensuale. Non può invece accadere il contrario, e deve avviarsi una nuova procedura.
Le condizioni stabilite in sede di separazione giudiziale potranno comunque essere modificate o revocate qualora intervengano fatti nuovi che variano la situazione dei coniugi o il rapporto con i figli.

Questioni patrimoniali

La separazione consensuale o giudiziale sancisce lo scioglimento del regime di comunione legale dei beni.
In caso di separazione consensuale, i coniugi stabiliscono i loro rapporti con un accordo che verrà poi omologato dall’autorità giudiziaria: la divisione di beni comuni, l’assegnazione ad uno dei coniugi di beni di proprietà comune o esclusiva dell’altro coniuge, il riconoscimento di un assegno di mantenimento a favore del coniuge debole.
In caso di disaccordo circa le questioni patrimoniali in presenza di un procedimento di separazione giudiziale si ha solo lo scioglimento dell’eventuale regime di comunione legale e tutti i beni restano di proprietà comune o esclusiva dei coniugi.
I beni acquistati prima del matrimonio e quelli personali restano di esclusiva proprietà del coniuge intestatario.
Se al momento della celebrazione del matrimonio, o successivamente, è stato adottato il regime di separazione legale dei beni, i beni restano di proprietà esclusiva del coniuge intestatario.
Sono esclusi comunque i provvedimenti indispensabili all’interesse della prole, come l’assegnazione della casa coniugale al coniuge affidatario, anche se non proprietario, o l’obbligo di corrispondere un assegno di mantenimento per i figli o per il coniuge economicamente più debole.
A chi è separato spetta una parte della pensione di reversibilità, poiché non è venuto meno giuridicamente lo status di coniuge.
Per ciò che riguarda i diritti successori, il coniuge separato è equiparato a tutti gli effetti al coniuge non separato. In relazione all’eredità, continuerà quindi a godere della stessa posizione che rivestiva in presenza del vincolo matrimoniale, salvo il caso in cui al coniuge superstite sia stata addebitata la separazione.

Abitazione familiare

La casa coniugale viene generalmente assegnata dal giudice al coniuge affidatario dei figli, se ve ne sono, e comunque dando priorità all’interesse della prole stessa (art. 155-quater c.c.).
Il diritto al godimento della casa familiare viene a decadere nel caso che l’assegnatario non abiti o cessi di abitare stabilmente nella casa familiare o conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio.
Nel caso in cui l’abitazione familiare sia in locazione, al conduttore succede per legge l’ex coniuge assegnatario.
Qualora non vi siano figli, salvo diverso accordo, la casa familiare non può venire assegnata esclusivamente ad uno dei coniugi. In questo caso, se di proprietà comune, si potrà richiedere la divisione giudiziale dell’immobile, se di proprietà esclusiva, rientrerà nella sfera di disponibilità esclusiva del coniuge proprietario.

Mantenimento e alimenti

Se uno dei due coniugi, a seguito di separazione,  abbia insufficiente reddito proprio e la separazione non sia addebitabile a lui per colpa, il giudice può stabilire che l’altro coniuge corrisponda un assegno di mantenimento (art. 156, 1°co. c.c.).
L’assegno permette di godere dello stesso tenore di vita avuto durante il matrimonio, sempre che il coniuge obbligato si trovi nella condizione economica di poterlo versare. Il coniuge a cui spetta l’assegno può comunque rinunciarvi.
In caso di inadempimento, su richiesta del beneficiario, potrà essere ordinato il sequestro dei beni dell’obbligato, oppure potrà essere ordinato a terzi (es. al datore di lavoro del coniuge obbligato) il versamento della somma dovuta.
Il provvedimento con cui il Giudice dispone la corresponsione dell’assegno di mantenimento può in ogni tempo essere modificato o revocato qualora vi siano giustificati motivi o intervengano fatti nuovi.
Il coniuge a cui è addebitata la separazione non ha diritto al mantenimento. Tuttavia, egli avrà comunque diritto agli alimenti (che a differenza del mantenimento corrispondono ad una somma sufficiente a permettere la sussistenza) quando viva in uno stato di particolare indigenza e povertà (art. 156, 3° co. c.c.).

 

APPROFONDIMENTI

21 Lug 2017

Una “App” che aiuta i genitori separati a dialogare

E’ stata introdotta in Italia lo scorso anno e adesso conta più di 100mila utenti. E’ una app che si chiama “2houses.com” e si potrebbe definire come un “facilitatore di cogenitorialità”: in caso di separazione o divorzio, infatti, aiuta i genitori a comunicare e a condividere ogni questione in modo tranquillo e proficuo. 2houses.com è una piattaforma (App e sito) creata per aiutare la gestione della vita quotidiana familiare, adatta a genitori separati o divorziati che vogliano condividere notizie sui […]

30 Mag 2017

Dall’America arrivano gli Hotel Spaccacuori per divorziare

Individuare le condizioni per il divorzio è impegnativo e decisamente stressante: proprio per questo, negli Stati Uniti, come anche in Inghilterra e nei paese nordici, sono nati resort a cinque stelle nei quali i coniugi, complice un clima rilassante, vengono aiutati da un team di esperti ad alleggerire le trattative e a trovare il miglior accordo possibile. Il requisito indispensabile, è che la coppia abbia effettivamente deciso di porre fine al matrimonio: questa certezza si raggiunge anche grazie all’aiuto di […]

10 Apr 2017

Gli SMS dell’amante legittimano la separazione con addebito

“Qua dentro ci abbiamo messo tutto! Questo qua ormai è diventata la scatola nera della nostra vita!”: questa è una delle frasi cult di “Perfetti sconosciuti”, premiato miglior film al David di Donatello 2016. Stiamo parlando dei cellulari, quei comunissimi dispositivi in cui ormai è racchiusa tutta la nostra vita, tutti i nostri segreti. Accade a Milano: la moglie scopre sul cellulare del marito alcuni SMS decisamente confidenziali della sua amante, lo porta in Tribunale e chiede la separazione con […]

30 Mar 2017

La madre che impedisce al marito separato di fare visita ai figli minori commette un reato

Nelle cause di separazione altamente conflittuali, troppo spesso si sentono frasi come “se mi lasci non rivedrai più tuo figlio”: si tratta di un ricatto meschino e rabbioso finalizzato a punire l’ex coniuge ma che ricade sulla sorte dei bambini, strumenti inconsapevoli di vendetta tra i genitori. Fortunatamente, però, nei casi in cui viene violato il diritto a frequentare il proprio figlio, ed il correlativo diritto del bambino a mantenere un rapporto equilibrato con entrambi i genitori, la giurisprudenza ha […]

23 Dic 2016

Casa dolce casa, l’abitazione coniugale si può dividere a metà?

“Casa dolce casa”, finché la coppia non scoppia e l’assegnazione dell’abitazione coniugale diventa una questione spinosa. Sul punto il legislatore ha voluto prevenire e sedare interminabili dispute, sancendo una volta per tutte con l’art. 337 sexies CC che “il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell’interesse dei figli”. Questa regola dettata in un’ottica di tutela della prole comporta indubbiamente una compressione del diritto di proprietà dell’altro coniuge (normalmente il marito), estromesso dal godimento di casa sua. La […]

30 Set 2016

Revenge Porn: che cos’è e come difendersi

Il caso della 31enne, suicida dopo la diffusione di un video a luci rosse, impone la ricerca di strumenti repressivi, affinché questo episodio così triste non sia il primo di una lunga serie. “Revenge Porn“: letteralmente “vendetta porno”, si tratta della condivisione su Internet da parte di ex mariti/fidanzati di foto delle proprie ex mogli/partner durante atti sessuali. E’ un fenomeno che va ben oltre il cyberbullismo, è quasi un femminicidio in chiave virtuale: spiattellare frammenti di intimità su Internet ha […]

05 Set 2016

L’abbandono del domicilio coniugale dà sempre luogo alla separazione con addebito?

Ai sensi dell’art. 151 C. C., il Giudice della separazione, ove richiesto, può addebitare la responsabilità della separazione a quel coniuge il cui comportamento sia stato “contrario ai doveri che derivano dal matrimonio”. Tra questi, l’art. 143 c.c. indica anche quello di “coabitazione”, tuttavia non sempre l’abbandono della casa coniugale darà luogo alla dichiarazione di addebito di separazione, se la crisi della coppia è conclamata ed il rapporto coniugale è ormai irrecuperabile. Per poter evitare la dichiarazione di addebito non […]

05 Dic 2015

Femminicidio

Femminicidio. Una parola orribile da sentire ma che sempre più spesso viene usata per raccontare le violenze e gli abusi nei confronti delle donne. Nel nostro Paese lo scorso anno sono state più di trecento le donne assassinate e di queste, circa ottanta, sono morte per mano di chi avrebbe dovuto amarle. Le statistiche riportano che in Italia la violenza domestica sia la prima causa di morte per le donne tra i 16 ed i 44 anni. Un vero massacro, […]

02 Nov 2015
Separazione legale coniugi

Separazione personale dei coniugi

La separazione personale dei coniugi è un istituto giuridico regolato dalle norme del codice civile (artt. 150 e ss.), dal codice di procedura civile e da una serie di norme speciali. Si distingue in separazione consensuale, separazione giudiziale (contenziosa) e separazione di fatto. La separazione non pone termine al matrimonio e non fa venir meno lo status giuridico di coniuge. Incide solo su alcuni aspetti del matrimonio come ad esempio si scioglie la comunione legale dei beni, cadono gli obblighi […]

01 Nov 2015
Bon ton della separazione

Bon ton della separazione: come evitare cadute di stile

Quante volte si legge sulle riviste scandalistiche di coppie famose che al momento di divorziare, arrivano a rilasciare dichiarazioni poco eleganti sui particolari della loro vita di coppia? Una su tutte fu l’intervista shock di Lady Diana, in cui la principessa, con modi assai poco regali, raccontava impudicamente tutti i particolari dei rapporti che aveva con il marito Carlo, futuro re d’Inghilterra. Purtroppo questo comportamento viene riprodotto anche in persone meno famose. Spesso accade che i fatti privati dei coniugi […]

31 Ott 2015
I diritti delle madri single

I diritti delle madri single

Come noto la famiglia tradizionale è in crisi o meglio, non è più l’unico modello di famiglia; in una società in cui i cambiamenti sono rapidi anche il nucleo familiare tradizionale è coinvolto. Secondo i dati Istat le madri single sono in aumento per le più diverse motivazioni. Come noto la famiglia tradizionale è in crisi o meglio, non è più l’unico modello di famiglia; in una società in cui i cambiamenti sono rapidi anche il nucleo familiare tradizionale è […]

20 Lug 2015
Separazione e divorzio davanti al Sindaco

Separazione e divorzio davanti al Sindaco: quali garanzie giuridiche?

Per decongestionare i Tribunali spostando sugli organi amministrativi procedure fino a ieri gravanti solo sui giudici, il DL. 132/2014 “Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione” ha introdotto la possibilità di separarsi, divorziare o modificare le condizioni di separazione e divorzio direttamente davanti al Sindaco con l’assistenza facoltativa dell’avvocato. Questo tipo di procedura non è ammessa in presenza di figli minori, figli con handicap o maggiorenni ma non economicamente autosufficienti. In tutti gli altri casi in cui la coppia non ha avuto figli […]

29 Giu 2015
Tradimento gay

La Cassazione equipara il tradimento gay a quello etero: ciò che conta è solo la condotta infedele

Chissà come avrebbe reagito l’America puritana se avesse scoperto che la sua first lady Eleanor Roosvelt intratteneva una relazione omosessuale con la giornalista Lorena Hickok.Passano gli anni, cambiano i tempi, ma ancora oggi l’adulterio omosessuale costituisce un tabù, una questione privata che fa gridare al pubblico scandalo o, perlomeno, stuzzica il gossip. Ma se dal punto di vista socio-culturale esistono ancora omertà ed imbarazzi che distinguono l’infedeltà omosessuale da quella eterosessuale, per la Cassazione non fa alcuna differenza la natura […]

02 Feb 2015
Mobbing familiare

Mobbing familiare: come riconoscerlo e difendersi

Prendendo in prestito il termine dal contesto lavorativo ove con “mobbing” si intende il comportamento vessatorio posto in essere da colleghi o superiori per indurre il mobbizzato a dare le dimissioni, l’espressione “mobbing familiare” indica l’atteggiamento perpetrato in famiglia di costante delegittimazione del coniuge allo scopo di minarne l’autostima. In giurisprudenza è stata proprio una sentenza della Corte d’Appello di Torino del 2000 che ha sdoganato il termine mobbing dall’ambito del diritto del lavoro per dargli ingresso nel diritto di […]

26 Gen 2015
Separazione e "selfie-mania"

Separazione e “selfie-mania”: quando l’autoscatto costa il matrimonio

Tutti pazzi per il “Selfie”. Dal Premier Renzi, al fuoriclasse del calcio Totti, persino il Santo Padre Papa Francesco, tutti sembrano contagiati dalla mania del “selfie” (per chi ancora non lo sapesse, si tratta semplicemente di un banalissimo autoscatto, realizzato con lo smartphone o con la fotocamera, per poi essere condiviso su un social network). Questa narcisistica esigenza di fotografarsi, che solletica l’ego, può però costar cara, addirittura il matrimonio. E’ successo ad un cinquantenne rappresentante di Lucca che, tra […]

05 Gen 2015
Infedeltà coniugale

L’amore infedele fa male… anche al portafoglio

Fino a 50 anni fa l’adulterio femminile, solo quello femminile, costituiva un reato punito perfino con la reclusione. Oggi, invece, sulla scia della liberalizzazione sessuale sessantottina che ha promosso la depenalizzazione dell’infedeltà muliebre, sempre più coppie si trasformano in triangoli. Questa sdoganizzazione del tabù dell’infedeltà coniugale rischia però di far perdere di vista le relative conseguenze.. Prima tra tutte: l’addebito di separazione. Conseguenza possibile ma non inevitabile. Ai fini dell’addebito si deve provare che quell’adulterio è stato causa determinante della […]

03 Nov 2014
Negoziazione assistita separazione

Per dirsi addio: la negoziazione assistita

17Da oggi separarsi o divorziare diventa più semplice con il nuovo istituto della “negoziazione assistita da un avvocato”. Una rivoluzione che sposta sugli avvocati mansioni fino a ieri gravanti sui giudici trasferendo dalle aule dei Tribunali agli studi legali buona parte delle cause di separazione e divorzio, con conseguente smaltimento del carico di lavoro dei magistrati e snellimento della giustizia. La negoziazione assistita, infatti, è uno strumento di “ADR” – Alternative dispute resolution – volto a dislocare in sede stragiudiziale […]

25 Ago 2014
Poligami d'Italia

Poligami d’Italia

Accade tempo fa a Torino. Naima donna marocchina, la prima moglie di Mohammed quando raggiunge il marito in Piemonte non sa che lui nel frattempo ha sposato un’altra donna, Fatima. Arrivata in Italia con il figlio Kalid deve subire questa umiliante situazione non avendo alternativa: “altrimenti – dice Naima – sarei stata ripudiata, non avrei avuto un soldo né un posto dove andare. Ma con Fatima più bella e più giovane di me le liti sono continue e la vita […]

14 Ott 2013

Coniugi separati: a chi il cane?

L’’opportunità di trattare il tema nasce dalla considerazione che nel nostro Paese quasi una famiglia su due possiede un animale domestico e sempre più nella vita quotidiana vi sono casi, di separazione fra coniugi, nei quali cani, gatti ed altri animali diventano oggetto del contendere in un quadro normativo attualmente carente. In tale contesto si colloca un recente provvedimento del Tribunale di Milano che attribuisce agli animali domestici un ruolo nella separazione tra i coniugi anche grazie ai legami affettivi […]

02 Set 2013
Maltrattamenti in famiglia e violenza economica

Maltrattamenti in famiglia e violenza economica

I maltrattamenti fisici e psicologici nelle relazioni familiari sono quelli che si consumano all’interno delle mura domestiche tra persone legate tra loro da vincoli di parentela, affinità o coniugi. Si tratta di un reato punito anche con la reclusione da uno a cinque anni. La condotta è rilevante penalmente quando le violenze fisiche o morali sono continuative e si manifestano con azioni ripetute nel tempo vale a dire quando la sofferenza diventa una caratteristica abituale della relazione. Si tratta di […]

12 Ago 2013
Separazione casa coniugale

Se ci si separa, chi resta nella casa coniugale?

“La casa è dove si trova il cuore”, diceva già duemila anni fa il filosofo romano Plinio il Vecchio. Ed è per questo suo importante valore affettivo e simbolico che la casa coniugale – ovvero il luogo in cui vive la famiglia – è spesso oggetto di contesa tra i coniugi in caso di separazione o divorzio. L’assegnazione della casa ha un grande significato economico ed emotivo nella contesa tra i coniugi, e non c’è dubbio che il doverla lasciare […]

13 Gen 2013

Padri separati in rovina

Quella dei padri separati costretti a vivere in condizioni economiche precarie non è una leggenda ma purtroppo una triste realtà sempre più diffusa. Nonostante la vigenza del principio di legge secondo il quale il coniuge più debole dovrebbe percepire un assegno che gli permetta di mantenere il medesimo tenore di vita goduto durante il matrimonio, di fatto la famiglia che si separa sicuramente s’impoverisce. Evidentemente la norma non aveva fatto i conti con la vita reale; infatti non è possibile […]

Avvocato matrimonialista Laura Gaetini
info@lauragaetini.com

Studio Legale di Torino
Via Susa, 43 Torino
telefono Laura Gaetini 011.433.16.68
mail Laura Gaetini torino@lauragaetini.com

Studio Legale di Milano
Via Victor Hugo, 2 Milano
telefono Laura Gaetini 02 720.934.88
mail Laura Gaetini milano@lauragaetini.com

Studio Legale di Roma
Via dei Gracchi, 278 Roma
telefono Laura Gaetini 06.39.75.41.51
mail Laura Gaetini roma@lauragaetini.com

Studio Legale di Cuneo
Via Roma, 27 Cuneo
telefono Laura Gaetini 0171.60.52.73
mail Laura Gaetini cuneo@lauragaetini.com