logo

Divorzio

Divorzio

Lo Studio Legale dell'Avvocato Laura Gaetini è specializzato nelle tematiche di divorzio. Lo studio effettua consulenze e assistenza legale nei seguenti ambiti: Scioglimento del matrimonio | Procedimento di divorzio | Cause di divorzio | Ricorsi per la modifica delle condizioni di divorzio | Scioglimento dei vincoli matrimoniali | Cessazione degli effetti civili con rito civile o concordatario | Rapporti patrimoniali | Assegno di divorzio | Affidamento dei figli | Diritti di successione.

Il divorzio è l’istituto giuridico che consente lo scioglimento e la cessazione degli effetti civili del matrimonio, è disciplinato dal codice civile (art. 149 c.c.), dalla legge 898/1970 (“Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio”) e dalla legge n. 74/1987 (che ha apportato delle modifiche significative alla precedente).

Anche il divorzio, come la separazione, può essere affrontato in forma congiunta o in forma giudiziale, a seconda se sia possibile raggiungere un’intesa fra i coniugi già prima dell’inizio della causa o nel corso della stessa.

Divorzio congiunto

Vi è accordo fra i coniugi su tutte le condizioni, in questo caso il ricorso è presentato congiuntamente da entrambi i coniugi.

Divorzio giudiziale

Non vi è accordo sulle condizioni, in questo caso il ricorso può essere presentato anche da un solo coniuge.

Gli elementi necessari per richiedere il divorzio sono quindi: il venir meno dell’affectio coniugalis, cioè della comunione morale e spirituale e la mancanza di coabitazione tra marito e moglie. Le cause che permettono il divorzio sono elencate nell’art. 3 della legge 1970/898 e fanno sempre riferimento ad ipotesi in cui uno dei coniugi abbia messo in pericolo la vita o la salute dell’altro coniuge o della prole, oppure abbia compiuto reati contro la morale della famiglia. La causa prevalente di divorzio resta comunque la separazione legale dei coniugi protratta ininterrottamente per almeno tre anni dalla prima udienza. Per la decorrenza dei tre anni non si può considerare il tempo che i coniugi hanno trascorso in separazione di fatto, senza cioè richiedere un provvedimento di omologa al Tribunale.

Dopo il divorzio, marito e moglie cambiano il loro precedente status di coniuge e possono contrarre nuove nozze. La donna perde il cognome del marito. A seguito di divorzio, vengono meno i diritti e gli obblighi discendenti dal matrimonio (artt. 51, 143, 149 c.c.), viene meno la comunione legale dei beni ai sensi dell’art. 191 c.c. (se già non è accaduto in sede di separazione), cessa la destinazione del fondo patrimoniale (art. 171 c.c.) e viene meno la partecipazione dell’ex coniuge all’impresa familiare (art. 230 bis c.c.).

Rapporti patrimoniali

Nel caso di divorzio giudiziale, quando non c’è accordo tra i coniugi sui rapporti patrimoniali, il tribunale può confermare le decisioni già adottate in sede di separazione, oppure – con la verifica delle prove prodotte dalle parti o dei controlli tributari disposti dallo stesso giudice per valutare la capacità contributiva di ciascun coniuge – può stabilire un assegno divorzile e l’affidamento e mantenimento dei figli. Il tribunale non può disporre riguardo le proprietà esclusive dei coniugi e gli acquisti effettuati autonomamente, né i beni di carattere “personale”, così come individuati dalla legge, fatto salvo il caso dell’assegnazione dell’abitazione familiare al coniuge affidatario esclusivo della prole, anche se non proprietario.

 

L’assegno divorzile

L’assegno di divorzio ha natura diversa dall’assegno di mantenimento e da quello alimentare, concessi durante la separazione, che presuppongono una continuazione del rapporto coniugale. L’assegno divorzile può avere esclusivamente una natura assistenziale, una natura risarcitoria (per cui bisogna accertare la causa che determina la rottura del rapporto), una natura compensativa (per cui è necessario valutare gli apporti di ciascun coniuge alla conduzione familiare) il versamento dell’assegno divorzile è riconosciuto ad uno dei coniugi poiché questi ha diritto di mantenere lo stesso tenore di vita avuto in costanza di matrimonio.

L’assegno può essere oggetto di rinuncia, ma anche in questo caso, se sopraggiunge uno stato di bisogno, sarà possibile revisionare le decisioni assunte precedentemente dal tribunale. L’assegno divorzile può essere corrisposto mensilmente, oppure in unica soluzione. Qualora sia liquidato in un’unica soluzione viene meno qualunque diritto della parte che lo ha ricevuto a proporre ulteriori richieste economiche.

Se l’assegno viene versato mensilmente, il coniuge che lo riceve, in caso di morte dell’ex coniuge, potrà avere una quota dell’eredità proporzionale alla somma percepita con assegno mensile e vedersi riconosciuto automaticamente il diritto alla pensione di reversibilità o ad una quota di essa. L’assegno si estingue al momento in cui colui che lo percepisce abbia nuove nozze.

Qualora l’obbligato non versi l’importo stabilito è possibile agire esecutivamente nei suoi confronti o nei confronti di chi è suo debitore (ad esempio il datore di lavoro o una banca), quindi può essere soggetto a pignoramento anche lo stipendio o la pensione.

Affidamento dei figli

L’affidamento dei figli in caso di divorzio, così come per il caso della separazione, è disciplinato dalle norme introdotte con la Legge n. 54 dell’8 febbraio 2006.
Il principio fondamentale è che il figlio minore ha il diritto di mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con ciascuno di essi, di ricevere cura, educazione e istruzione da entrambi e di conservare rapporti significativi con con i parenti di entrambe le parti genitoriali.
Il giudice valuta prioritariamente la possibilità che i figli minori siano affidati a entrambi i genitori (affidamento condiviso) oppure stabilisce a quale di essi i figli sono affidati (affidamento esclusivo), sempre e comunque considerando l’esclusivo interesse della prole.
Il giudice determina inoltre i tempi e le modalità della presenza dei figli presso ciascun genitore, fissa la il modo con cui i genitori contribuiscono al mantenimento, alla cura, all’istruzione e all’educazione della prole.
Il coniuge affidatario in via esclusiva avrà la potestà sui figli oltre all’amministrazione e l’usufrutto legale sui loro beni. Il giudice può anche stabilire un assegno a favore dei figli maggiorenni, da versare a loro direttamente, quando non abbiano adeguati redditi propri.

APPROFONDIMENTI

21 Lug 2017

Una “App” che aiuta i genitori separati a dialogare

E’ stata introdotta in Italia lo scorso anno e adesso conta più di 100mila utenti. E’ una app che si chiama “2houses.com” e si potrebbe definire come un “facilitatore di cogenitorialità”: in caso di separazione o divorzio, infatti, aiuta i genitori a comunicare e a condividere ogni questione in modo tranquillo e proficuo. 2houses.com è una piattaforma (App e sito) creata per aiutare la gestione della vita quotidiana familiare, adatta a genitori separati o divorziati che vogliano condividere notizie sui […]

30 Mag 2017

Dall’America arrivano gli Hotel Spaccacuori per divorziare

Individuare le condizioni per il divorzio è impegnativo e decisamente stressante: proprio per questo, negli Stati Uniti, come anche in Inghilterra e nei paese nordici, sono nati resort a cinque stelle nei quali i coniugi, complice un clima rilassante, vengono aiutati da un team di esperti ad alleggerire le trattative e a trovare il miglior accordo possibile. Il requisito indispensabile, è che la coppia abbia effettivamente deciso di porre fine al matrimonio: questa certezza si raggiunge anche grazie all’aiuto di […]

26 Mag 2017

Assegno di divorzio: la cassazione dice addio al tenore di vita

In questi giorni non si parla d’altro. Con la rivoluzionaria pronuncia, i Giudici della Suprema Corte hanno mutato il parametro di riferimento per la determinazione dell’ammontare dell’assegno di divorzio – fino ad oggi individuato nel “tenore di vita goduto durante il matrimonio”  –  introducendone un altro: quello dell’indipendenza economica del coniuge più debole. I giudici hanno ritenuto che un assegno parametrato al tenore di vita sia da ritenere in netto contrasto con la natura stessa del divorzio e con gli […]

30 Set 2016

Revenge Porn: che cos’è e come difendersi

Il caso della 31enne, suicida dopo la diffusione di un video a luci rosse, impone la ricerca di strumenti repressivi, affinché questo episodio così triste non sia il primo di una lunga serie. “Revenge Porn“: letteralmente “vendetta porno”, si tratta della condivisione su Internet da parte di ex mariti/fidanzati di foto delle proprie ex mogli/partner durante atti sessuali. E’ un fenomeno che va ben oltre il cyberbullismo, è quasi un femminicidio in chiave virtuale: spiattellare frammenti di intimità su Internet ha […]

05 Dic 2015

Femminicidio

Femminicidio. Una parola orribile da sentire ma che sempre più spesso viene usata per raccontare le violenze e gli abusi nei confronti delle donne. Nel nostro Paese lo scorso anno sono state più di trecento le donne assassinate e di queste, circa ottanta, sono morte per mano di chi avrebbe dovuto amarle. Le statistiche riportano che in Italia la violenza domestica sia la prima causa di morte per le donne tra i 16 ed i 44 anni. Un vero massacro, […]

03 Nov 2015
Violenza domestica

Un matrimonio pieno di pugni, violenza domestica

Gelosia o sbronza, tormentate frustrazioni personali o sadismo latente, disturbi della personalita’ o un attimo di crisi. Spesso diventano aggressione, botte, poi talore suppliche di perdono, salvo ricominciare. Il sondaggio di Ipsos-Explorer pone al quarto posto nella dolente graduatoria dei motivi di rottura della coppia (dopo tradimento, fine della stima e scarso tempo trascorso insieme) proprio la violenza domestica. L’ha affermato il 28% del campione di intervistati. Un dato forte, tanto che gli esperti annotano sotto la tabella: «Un fenomeno […]

20 Lug 2015
Separazione e divorzio davanti al Sindaco

Separazione e divorzio davanti al Sindaco: quali garanzie giuridiche?

Per decongestionare i Tribunali spostando sugli organi amministrativi procedure fino a ieri gravanti solo sui giudici, il DL. 132/2014 “Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione” ha introdotto la possibilità di separarsi, divorziare o modificare le condizioni di separazione e divorzio direttamente davanti al Sindaco con l’assistenza facoltativa dell’avvocato. Questo tipo di procedura non è ammessa in presenza di figli minori, figli con handicap o maggiorenni ma non economicamente autosufficienti. In tutti gli altri casi in cui la coppia non ha avuto figli […]

27 Apr 2015
Divorzio breve

Divorzio breve diventa realtà, ma sempre previa separazione

Finalmente ci siamo: dopo un lungo e dibattuto iter parlamentare, il divorzio breve è stata approvato. La nuova disciplina si applica anche ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della legge. Non sarà più necessario attendere tre anni dalla separazione per chiedere il divorzio: i tempi si accorciano ad un anno dall’udienza presidenziale se vi è stata separazione giudiziale, a sei mesi sempre decorrenti dall’udienza presidenziale se si è omologata la separazione consensuale o se la procedura, […]

16 Mar 2015
Lo stalking

Lo stalking: quelle persecuzioni angoscianti spacciate per amore

Che sia l’ex fidanzato, l’ex marito o uno spasimante respinto, quando si parla di stalking (dall’inglese “to stalk” letteralmente “fare appostamenti ad una preda”) non si parla mai di amore. Lo stalker non vede la sua vittima come una persona, ma come un oggetto che gli appartiene, una “cosa” che vorrebbe possedere a tutti i costi. Sono tante, troppe, le donne vittime di questo subdolo fenomeno: da Nicole Kidman a Madonna, da Jodie Foster a Catherine Spaak. In Italia Michele […]

02 Feb 2015
Divorzio breve in italia

Divorzio breve anche in Italia?

In Italia il problema dei tempi della giustizia non risparmia i procedimenti per separazione e divorzio, che spesso si protraggono per anni, prolungando le sofferenze connesse alla fine di un rapporto affettivo. Per ovviare a tale problema, già da diversi anni non sono poche le coppie italiane che, avvalendosi delle normative comunitarie che prevedono il riconoscimento reciproco delle sentenze tra gli Stati membri dell’Unione Europea, decidono di recarsi in un altro Stato per ivi richiedere il divorzio con procedure più […]

24 Nov 2014
divorzio per direttissima

Il “divorzio per direttissima”: facciamo il punto della situazione

Con il primo sì della Commissione Giustizia del Senato, il Parlamento prende posizione sul disegno di legge relativo al tanto chiacchierato “divorzio breve”, aprendo le porte anche al cosiddetto “divorzio immediato”. Sono argomenti eticamente sensibili dove districarsi tra le ragioni del cuore, del diritto e della morale rischia di mandare in cortocircuito la nostra classe politica che sul tema minaccia di spaccarsi. Ma vediamo di fare chiarezza su queste nuove norme incandescenti. Una delle più controverse novità del disegno di […]

11 Ott 2014
Divorzio trattamento di fine rapporto

Coniugi divorziati: quando si ha il diritto al trattamento di fine rapporto dell’ex consorte?

La legge sul divorzio prevede che, a certe condizioni, uno dei coniugi divorziati possa ottenere una quota pari al 40% del trattamento di fine rapporto – quella volgarmente chiamata “Liquidazione” – dell’altro coniuge, riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio. Non in tutti i casi in cui vi sia stato divorzio, però, l’ex coniuge può vantare una simile pretesa. Affinché la norma trovi applicazione, la legge richiede espressamente due requisiti fondamentali: primo che […]

10 Feb 2014
Matrimoni misti

Matrimoni misti, tre su quattro finiscono col divorzio

Si chiamano “matrimoni misti”, lui italiano, lei straniera o viceversa. La loro unione dovrebbe essere lo specchio del multiculturalismo, servono a misurare il livello di integrazione di una società. Sono diventati invece il sintomo di un grave malessere. I matrimoni misti si sono triplicati nell’arco di un decennio in Italia eppure la vita coniugale di tre coppie miste su quattro si chiude con un fallimento. Nel 75 per cento dei casi l’amore sboccia in fretta ma l’e pilogo è una […]

11 Nov 2013
Divorzi grigi

Divorzi over 60: cosiddetti “divorzi grigi”

Negli ultimi anni i cosiddetti “divorzi grigi” ovvero i divorzi tra persone che hanno superato i sessant’anni, sono notevolmente aumentati. I motivi di questo nuovo fenomeno sono diversi; per prima cosa bisogna considerare che oggi si vive più a lungo e meglio. Oggi a 60 anni si è ancora giovani, di conseguenza accontentarsi di un matrimonio finito e frustrante è più difficile: quando si hanno ancora 20/25 anni di possibilità di vita è normale cercare altrove una realizzazione sentimentale. Altro […]

02 Set 2013
Maltrattamenti in famiglia e violenza economica

Maltrattamenti in famiglia e violenza economica

I maltrattamenti fisici e psicologici nelle relazioni familiari sono quelli che si consumano all’interno delle mura domestiche tra persone legate tra loro da vincoli di parentela, affinità o coniugi. Si tratta di un reato punito anche con la reclusione da uno a cinque anni. La condotta è rilevante penalmente quando le violenze fisiche o morali sono continuative e si manifestano con azioni ripetute nel tempo vale a dire quando la sofferenza diventa una caratteristica abituale della relazione. Si tratta di […]

07 Lug 2013
diritto alla sessualità

Se il coniuge rifiuta il diritto alla sessualità

Ha fatto scalpore, qualche anno fa, una sentenza della Corte di Cassazione con la quale veniva condannato un uomo che per ben sette anni si era rifiutato di intrattenere rapporti sessuali con la moglie. Colpevole, secondo la Suprema Corte, non solo del fallimento matrimoniale, ma anche di aver leso la dignità della consorte in quanto donna. Può sembrare una faccenda un po’ridicola, quasi da commedia all’italiana, ma se il disagio che un tale rifiuto puòcompor tare è stato, specialmente negli […]

03 Apr 2013
Violenza domestica

Violenza domestica

In Italia, ogni due giorni e mezzo, secondo i dati del 2012 forniti da “Telefono Rosa”, una donna muore all’interno delle mura domestiche. Una vera strage, un grave problema sociale da affrontare con specifici strumenti di contrasto. Anna, Carmela, Chiara, Francesca, questi sono solo alcuni nomi di donne uccise da mariti, fidanzati, amanti, all’interno delle mura di casa, nell’androne del proprio palazzo, in un garage, nel corso del 2012. Sono state più di centotrenta le donne assassinate lo scorso anno […]

Avvocato matrimonialista Laura Gaetini
info@lauragaetini.com

Studio Legale di Torino
Via Susa, 43 Torino
telefono Laura Gaetini 011.433.16.68
mail Laura Gaetini torino@lauragaetini.com

Studio Legale di Milano
Via Victor Hugo, 2 Milano
telefono Laura Gaetini 02 720.934.88
mail Laura Gaetini milano@lauragaetini.com

Studio Legale di Roma
Via dei Gracchi, 278 Roma
telefono Laura Gaetini 06.39.75.41.51
mail Laura Gaetini roma@lauragaetini.com

Studio Legale di Cuneo
Via Roma, 27 Cuneo
telefono Laura Gaetini 0171.60.52.73
mail Laura Gaetini cuneo@lauragaetini.com