logo

Adozioni

Adozioni nazionali ed internazionali

Lo Studio Legale dell'Avvocato Laura Gaetini è specializzato nelle tematiche di adozioni. Lo studio effettua consulenze e assistenza legale nei seguenti ambiti: Adozione di bambini minorenni | Adozione di ragazzi in maggiore età | Adozione da parte di single | Adozioni nazionali | Adozioni internazionali | Procedure per intraprendere un'adozione | Dichiarazione di adottabilità del minore | Esigenze del minore di vivere nella famiglia di origine | Stato abbandono | Dichiarazione di adottabilità | Assegnazione del cognome.

L'adozione è un istituto giuridico che permette a un soggetto detto adottante di considerare ufficialmente un altro soggetto detto adottato come figlio, dandogli il cognome. La Legge 4 maggio 1983 n. 184, art. 27 dispone che l'adozione fa assumere, al minore adottato, lo stato di figlio legittimo degli adottanti. La stessa legge prevede la possibilità di adottare un minore sul territorio nazionale (adozione nazionale) o in uno stato estero (adozione internazionale) in linea con la Convenzione dell'Aja per la tutela dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale.

L’iter per le adozioni in Italia è particolarmente complesso e regolamentato in modo dettagliato. Si tutela il diritto di ogni bambino ad avere dei genitori che siano in grado di offrirgli tutto il necessario di cui ha bisogno per crescere, che posseggano cioè i requisiti indispensabili per risultare idonei all’adozione. Per questo le fasi da affrontare per adottare un figlio sono molteplici ed i tempi piuttosto lunghi. Gli aspiranti possono dare disponibilità sia per l'adozione nazionale sia per quella internazionale per un paese straniero specifico. Generalmente, al verificarsi di un abbinamento coppia-minore in una delle due distinte procedure (nazionale e internazionale) viene sospesa l'altra, ma in alcuni casi il Tribunale per i minorenni di competenza potrebbe anche permettere alla coppia di concludere l'adozione con entrambe le procedure, qualora vengano proposti e accettati dalla coppia due distinti abbinamenti.

I requisiti fondamentali degli adottanti

Gli adottanti devono essere uniti in matrimonio da almeno 3 anni, non deve sussistere separazione personale neppure di fatto e devono essere idonei a educare e istruire, e in grado di mantenere i minori che intendano adottare. Il periodo dei 3 anni può essere raggiunto computando anche un eventuale periodo di convivenza pre-matrimoniale more uxorio.

La differenza di età tra gli adottanti e l'adottato deve essere compresa dai 18 ai 45 anni. Uno dei due coniugi può avere una differenza superiore ai 45 anni a patto che sia comunque inferiore ai 55. Inoltre potrebbe essere derogato tale limite a patto che i coniugi adottino due o più fratelli assieme o se hanno un altro figlio minorenne.

Gli adottanti devono essere idonei a educare e istruire, e in grado di mantenere i minori che intendono adottare. Questo punto viene verificato dal Tribunale per i minorenni di competenza tramite i servizi socio-assistenziali degli Enti locali. Il minore è dichiarato adottabile dal Tribunale per i Minorenni, quando è in stato di abbandono, privo di assistenza morale e materiale da parte dei genitori e dei parenti tenuti a provvedervi (nonni, zii, fratelli maggiori).

Il minore che è stato affidato ad una comunità di accoglienza o in affidamento familiare, può essere dichiarato adottabile nel caso in cui la famiglia di origine non mantenga stretti contatti con il bambino e un valido rapporto affettivo ed educativo.

APPROFONDIMENTI

08 Mag 2017

Genitori nonni: la corte d’Appello di Torino conferma l’adottabilità della figlia

Tutto inizia nel 2010 quando Gabriella Carsano e Luigi Deambrosis, all’epoca 57 anni lei e 68 anni lui, danno alla luce la piccola Viola grazie a procreazione assistita fatta all’estero. Poco dopo i vicini di casa denunciano il padre per un presunto abbandono di minore: l’uomo, accusato di aver lasciato Viola in auto per 7 minuti per entrare in casa a scaldarle il latte, anni dopo verrà assolto. Nel 2013 la Corte d’Appello pronuncia l’adottabilità di Viola e la Cassazione […]

22 Apr 2016

L’adozione da parte del parente: come e quando

Un minore orfano di entrambi i genitori non deve per forza essere affidato ad estranei o collocato in Istituto se ci sono parenti entro il sesto grado disposti ad adottarlo. L’adozione del bimbo orfano da parte di nonni, zii o cugini è una delle ipotesi di cd. “adozione in casi particolari” previste dall’art. 44 della legge 184/1983. Scopo della norma è quello di garantire a un minore già sconvolto dalla morte dei propri genitori un minimo di continuità affettiva con […]

16 Nov 2015

Affido familiare: la nuova legge sulla “continuità affettiva”

Da oggi le famiglie affidatarie hanno una corsia preferenziale nell’adozione: questa è la novità introdotta dalla legge n. 173/2015, cd. “legge sulla continuità affettiva”, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 29 ottobre. Garantire agli affidatari un canale prioritario nella procedura di adozione dovrebbe essere una regola naturale, scontata, considerato che i minori in regime di affido familiare hanno già trascorso un pezzo di infanzia o di adolescenza con loro. La recentissima legge 173/2015 va a modificare la legge 184/1983 sull’adozione, introducendo […]

26 Ott 2015

Stepchild Adoption: che cosa é e perché se ne parla

Si discute tanto di “Stepchild adoption”, letteralmente “adozione del figliastro”, ma cos’è questo istituto? Perché è salito alla ribalta parlando di unioni civili? Si tratta della possibilità di adottare il figlio, biologico o adottivo, del proprio partner, possibilità già consentita dall’art. 44 della legge sulle adozioni n. 184/1983 per le coppie eterosessuali sposate. Ora il disegno di legge Cirinnà sulle unioni civili omosessuali prevede all’art. 5 l’estensione della Stepchild adoption anche alle coppie dello stesso sesso, permettendo l’adozione del figlio […]

13 Ago 2015

Adozione “mite”: forma ibrida tra adozione e affido familiare

Non di rado capita di imbattersi in situazioni difficili con bimbi che si trovano in una sorta di limbo: la loro famiglia d’origine presenta problematiche e non è in grado di garantire una crescita sana ed equilibrata, ma il figlio non è in uno stato di totale abbandono come quello che dà luogo all’adozione. Questi bambini spesso vengono collocati in affido familiare, ma – quando le difficoltà del nucleo d’origine sono irrisolvibili ed il rientro nella famiglia è impraticabile – […]

05 Lug 2013

L’adozione, diritto di conoscere i proprio genitori biologici

La nuova disciplina ha introdotto, a determinate condizioni, la possibilità per l’adottato di accedere alle informazioni riguardanti l’identità dei genitori naturali, onde tutelare l’esigenza di ricostruire la propria identità personale. In principio fu Edipo. Nel testo di Sofocle prende vita, in chiave metaforica, il dramma che può sconvolgere l’animo di quanti, adottati in tenera età, non siano a conoscenza delle proprie origini biologiche e dell’identità dei propri genitori. Le sventure della città di Tebe nascono dal “peccato originale” di Laio […]

Avvocato matrimonialista Laura Gaetini
info@lauragaetini.com

Studio Legale di Torino
Via Susa, 43 Torino
telefono Laura Gaetini 011.433.16.68
mail Laura Gaetini torino@lauragaetini.com

Studio Legale di Milano
Via Victor Hugo, 2 Milano
telefono Laura Gaetini 02 720.934.88
mail Laura Gaetini milano@lauragaetini.com

Studio Legale di Roma
Via dei Gracchi, 278 Roma
telefono Laura Gaetini 06.39.75.41.51
mail Laura Gaetini roma@lauragaetini.com

Studio Legale di Cuneo
Via Roma, 27 Cuneo
telefono Laura Gaetini 0171.60.52.73
mail Laura Gaetini cuneo@lauragaetini.com